O.F. 2021-2022

Offerta formativa nazionale 2021-2022 - Servizi educativi MiC’. IX edizione

Circolare DG-ERIC n.24 – 2021 OFN 2021-2022

Circolare DG-ERIC n.24 - 2021 Allegato 

Circolare DG-ERIC n.24 - Foglio di lavoro Excel


La Direzione generale ha avviato, a cura del Centro per i servizi educativi, afferente al Servizio I, Ufficio studi, la nona edizione dell’Offerta formativa nazionale, attraverso la raccolta e la promozione delle attività organizzate, per l’anno scolastico 2021-2022, dalla Rete nazionale dei Servizi educativi del MiC.


L’iniziativa promuove un sistema educativo flessibile e aperto in grado di connettere le dimensioni materiale, immateriale e digitale del patrimonio, attraverso approcci accessibili, inclusivi e partecipativi, e intende rispondere - in termini di diffusione e valorizzazione delle attività in essere presso i luoghi della cultura del MiC – alle sollecitazioni odierne a livello di istruzione, benessere, integrazione e sviluppo. 

In accordo con la ‘Convenzione quadro del Consiglio d'Europa sul valore del patrimonio culturale per la società’, recentemente ratificata, e con le linee di indirizzo internazionali ed europee, l’educazione al patrimonio assume un ruolo sempre più centrale non solo nel rafforzare il ‘diritto’ all’eredità culturale e nel trasmettere l’importanza della sua conservazione, ma anche come risorsa per lo sviluppo sostenibile e la qualità della vita nella costruzione di società democratiche.

Investire in un costante impegno formativo “evidenziando il ruolo dell’educazione e dell’interpretazione del patrimonio culturale per promuovere l’apprezzamento e il rispetto della diversità culturaledei significati del patrimonio culturale e delle tradizioni e conoscenze culturali attuali, facilitando la conservazione, la salvaguardia e la trasmissione di valori e know-how condivisi alle generazioni future” rappresenta, peraltro, uno dei focus della Dichiarazione di Roma dei Ministri della cultura G20 (30 luglio 2021).

Nel riconoscimento di cultura e creatività come parti di agende politiche più ampie, risultano prioritarie la coesione sociale, l’attuazione di economie più attente al welfare, l'ambiente, la salute, la digitalizzazione, l’innovazione nonché l’inclusione e l’accessibilità culturale, dimensioni rispetto alle quali gli asset educativi del patrimonio acquisiscono un valore trasversale.

Concorrere all’odierna responsabilità sociale dell’educazione al patrimonio rappresenta quindi un obiettivo prioritario per l’Offerta formativa nazionale, nella quale sono compresi - a titolo gratuito - attività/progetti educativi e formativi rivolti a tutti i pubblici, agli studenti del sistema scolastico e universitario, alle famiglie, al personale docente della scuola.

Sono in tal senso di supporto:

Piano Triennale delle Arti 2020 – 2022 (DPCM 12 maggio 2021) in relazione alla promozione e allo sviluppo dei ‘temi della creatività’

- Protocollo d’Intesa MI-MIC ‘Interventi volti alla promozione dell’educazione alla cultura delle arti, della musica, della creatività, del cinema, del teatro e delle attività progettuali delle istituzioni scolastiche’ (10 giugno 2021) per favorire collaborazioni per la conoscenza del patrimonio, del territorio e delle realtà locali.

La partecipazione consapevole, il rafforzamento delle competenze sociali e di cittadinanza, l’orientamento occupazionale nei settori culturali, oltre al potenziamento delle sinergie territoriali e dei rapporti di rete tra istituzioni, università, scuole, enti locali e comunità, sono dunque azioni fortemente sostenute, in termini di formazione per tutti i cittadini e non solo a livello scolastico.

In considerazione dell’emergenza sanitaria, la presente edizione intende continuare a sostenere attività e progetti a modularità flessibile - in presenza e/o a distanza - promuovendo l’uso di risorse e media digitali, attenti ai criteri di accessibilità universale, destinati a varie fasce di utenza, capaci di ampliare i confini degli ambienti educativi e lo scambio con le scuole dell'intero sistema nazionale, comprese quelle all’estero.

L’Offerta formativa nazionale 2021-2022 sarà resa disponibile attraverso la banca dati consultabile su questo sito - tramite ricerca a carattere geografico, tematico e tipologico - e promossa attraverso i canali web istituzionali, www.beniculturali.it e www.dger.beniculturali.it, e il supporto del Ministero dell’Istruzione.

-----


Per la raccolta dei dati:

-  acquisizione delle proposte progettuali programmate dai Servizi educativi nazionali sarà effettuata unicamente attraverso la compilazione dello specifico foglio di lavoro Excel - edizione 2021-2022 - scaricabile da questa pagina del sito del Centro.

-   trasmissione del foglio di lavoro Excel, compilato a cura dei singoli Istituti MiC con gli eventuali allegati, sarà invece effettuata esclusivamente attraverso la cartella di scambio dati denominata ‘Offerta formativa’, reperibile nella rete intranet del MiC (indirizzo IP: \\10.96.0.45).

Il periodo di trasmissione dei dati è previsto dal 6 al 30 settembre 2021. 

Tutte le istruzioni operative alle quali attenersi sono contenute nell’Allegato tecnico alla Circolare. 

Indirizzo di posta dedicata per informazioni: offertaformativa@beniculturali.it

La Direzione generale, tramite il Centro per i servizi educativi, è responsabile della azioni di raccolta, elaborazione e divulgazione dell'Offerta formativa, anche attraverso l’elaborazione di prodotti digitali.