Il centro

Il Centro per i Servizi educativi, afferente alla Direzione generale Educazione, ricerca e istituti culturali, promuove azioni per l'educazione al patrimonio culturale.

Il Centro ha il compito istituzionale di sostenere la diffusione della conoscenza del patrimonio culturale mediante progetti e attività didattici destinati ai diversi pubblici, con particolare riferimento a quello scolastico, perseguendo l'obiettivo di consolidare la fruizione, la ricerca e la promozione nell'ambito dei beni e dei luoghi della cultura (D.Lgs 22 gennaio 2004, n. 42, artt.118-119).

Istituito nel 1998, dal 2009 al 2014 nella Direzione Generale per la Valorizzazione del Patrimonio Culturale, confluito nella Direzione generale Educazione e ricerca e poi nella Direzione generale Educazione, ricerca e istituti culturali con la recente riorganizzazione del MiBACT (D.P.C.M. 2 dicembre 2019, n. 169), il Centro ha configurato attuativamente le metodologie più recenti per l'educazione, la comunicazione e l'accessibilità al patrimonio inteso come tramite identitario, in adempimento al dettato costituzionale relativo all'incremento culturale ed alla tutela dei beni storico-artistici del Paese.

In quanto prototipo dei centri di studio e ricerca previsti dal Codice dei beni culturali e del paesaggio (D.Lgs. 22 gennaio 2004, n 42, art.118), esso costituisce un servizio di coordinamento nazionale volto a rendere attuali, dal punto di vista operativo, le implicazioni del patrimonio in termini di sviluppo della cittadinanza e di integrazione sociale ed a sostenere le attività dei servizi educativi statali presenti sul territorio, diffondendone e promuovendone le diverse esperienze formative.

Le sue strategie operative, indirizzate all'elaborazione ed alla sperimentazione di modelli nazionali di fruizione integrata dei beni culturali, si articolano in:

  • progetti di educazione al patrimonio sui temi della salvaguardia, tutela, conservazione, fruizione e partecipazione realizzati con la Rete dei servizi educativi ed i rapporti in sinergia con le Istituzioni scolastiche
  • percorsi di apprendimento, di informazione scientifica e di divulgazione, indirizzati a destinatari diversificati per fasce di età, aventi per tema i vari contesti culturali e le loro specificità anche in collaborazione con altri soggetti pubblici e privati
  • percorsi per le competenze trasversali e per l'orientamento con le scuole secondarie di secondo grado
  • raccolta di materiali didattici, sussidi audiovisivi e prodotti multimediali, attività redazionali e pubblicazione di strumenti editoriali per varie categorie di pubblico
  • rapporti con le istituzioni, le associazioni ed il territorio per la formulazione ed il monitoraggio di iniziative educative volte a valorizzare i beni culturali in ambito nazionale
  • promozione di convegni e corsi di formazione sull'educazione al patrimonio culturale per personale interno all'Amministrazione, docenti di scuole di ogni ordine e grado ed operatori culturali e collaborazioni con associazioni disciplinari e Università in materia di tirocinii ed aggiornamento
  • rapporti con organismi nazionali ed internazionali del settore.
Accordo-quadro del 1998 tra il Ministero per i Beni Culturali e Ambientali e il Ministero della pubblica Istruzione che ha sancito la possiiblità di avviare progetti comuni alle due Istituzioni attraverso l'istituzione del Centro per i Servizi educativi e dei servzi educativi in ogni museo e ufficio territoriale

PDF  Accordo quadro 1998

Protocollo d'Intesa (maggio 2014) tra il Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca ed il Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo che ha rafforzato il legame tra i due dicasteri in funzione dell'educazione al patrimonio culturale delle giovani generazioni e per  'Creare occasioni di accesso al sapere attraverso la messa a sostema di istruzione e cultura, al fine di sviluppare una società della conoscenza'.

PDF  Protocollo d'Intesa 2014

Nuovo Logo Sed