La funzione educativa del patrimonio culturale per la promozione di azioni di cittadinanza attiva e coesione sociale

24/01/2018

Nel panorama odierno il patrimonio culturale può svolgere un ruolo sociale crescente, aiutando a contrastare fenomeni di esclusione e proponendosi come terreno di sperimentazione per nuove forme di cittadinanza attiva che abbiano al centro la cultura.

La tradizionale e fondamentale azione di tutela dei beni culturali, esercitata allo scopo di salvaguardare il nostro patrimonio, può infatti essere ampliata con il pieno coinvolgimento delle comunità locali, nello spirito della Convenzione di Faro, portando all’arricchimento culturale della popolazione che diventa essa stessa custode attiva del patrimonio.

Si sviluppano e sedimentano, in questo modo, oltre ad una forma di custodia condivisa efficace, la coesione sociale e il senso di appartenenza al territorio che viene vissuto come bene comune.

L’incontro è realizzato nell’ambito della Convenzione stipulata tra la Direzione Generale Educazione e Ricerca del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo e la Fondazione Benetton Studi Ricerche.

L'incontro è stato preceduto da un seminario organizzato dalla Fondazione Benetton Studi e Ricerche presso la Sala Koch del Senato della Repubblica.

Documenti da scaricare